fondi europei

Un tessuto fatto di luce: la fibra ottica diventa un filato per vestiti luminosi

Un tessuto che si illumina, fatto di speciali intrecci di pelle, velluto, seta e fibra ottica. Sembra di vestirsi di luce quando si indossa un abito di Dreamlux e, a realizzare le particolari stoffe, è un'azienda italiana con antiche radici nel Lodigiano. Sarà poco romantica l'idea di infilarsi una giacca cablata, ma l'effetto di questo filo di luce è sorprendente.
Tommaso Galbersanini, 35enne proprietario dell'azienda, ha registrato 44 brevetti in tutto il mondo per tutelare le tecnologie che permettono la tessitura della fibra ottica. Collaborando con l'azienda Leu Locati e il Politecnico di Milano, Dreamlux ha ottenuto quasi 800mila euro dal Por Fesr per il progetto «Filo di luce», una linea di abbigliamento e accessori che ha attirato le attenzioni del settore moda mondiale. Basta far partire un comando e il tessuto, grazie alla presenza di migliaia di led, si illumina.
Galbersanini, nel 2007, subito dopo la laurea in Economia, prende in mano l'azienda tessile di famiglia. Due anni dopo, decide che la fibra ottica ha le potenzialità per diventare un filato prezioso: nel 2014 la ditta termina le sperimentazioni e lancia sul mercato la sua prima collezione luminosa. Brand internazionali come Chanel, Versace, Nike si affacciano nel suo laboratorio e Galbersanini, consapevole di aver creato un unicum nel mondo della manifattura tessile, converte la forza lavoro dell'azienda: da operatori di macchine da cucire, la società inizia ad assumere sarti, elettricisti e ingegneri elettronici.
I vestiti di Dreamlux, che oggi ha uno showroom a Milano, in Oman e in Arabia Saudita, sono stati indossati in concerti di calibro internazionale, al Met Gala e al David Letterman Show. Gli abiti, nonostante la componente elettrica all'interno, sono lavabili e non temono l'acqua.
L'azienda elettrotessile di Galbersanini, da settembre 2019, sta collaborando con Harvard e il Mit di Boson per lo studio di un tessuto che, attraverso dei sensori e la fibra ottica, è in grado di rilevare in tempi brevi se un soggetto è stato esposto ad agenti patogeni virali. Dreamlux, che ha sfruttato la tecnologia per rivoluzionare il settore del lusso, è riuscito a ribaltare il paradigma: adesso è la scienza a inseguire la moda
Riproduzione riservata ©
loading...