Economia

Rapporto CREA: la Sanità migliore è in Trentino

  • 02:24

Milano (askanews) - La sanità migliore d'Italia? È in Trentino. A certificarlo è il Rapporto 2018 realizzato dal CREA, il Centro di ricerca economica per la Sanità dell'Università di Roma Tor Vergata, e presentato al Senato della Repubblica.

La Provincia di Trento guida un gruppo di "eccellenze" composto anche da Alto Adige, Toscana, Lombardia, Friuli, Emilia Romagna e Veneto. Le performance peggiori vengono invece dalle regioni meridionali. Ma il divario si sta riducendo. E per la Sanità italiana comunque i risultati nel complesso sono decisamente positivi. "Mi piace dire che la fotografia della Sanità complessiva italiana è veramente ottima. Siamo un paese che in Europa spende di meno e ha gli outcame in termini di salute migliori su quasi tutti gli indicatori - dice Federico Spandonaro docente all'Università Roma Tor Vergata e presidente di CREA - Partiamo dall'idea che comunque la sanità italiana è una eccellenza. Ovviamente poi c'è qualcuno che emerge e qualcun altro che nella classifica viene meno bene".

Il segreto del successo delle regioni ai vertici della classifica è in un mix di maggiori investimenti rispetto al resto d'Italia e una più stretta integrazione tra politiche sanitarie e sociali. Un modo per fare prevenzione che si traduce poi in minore spesa su altri settori. "Il principio è proprio questo - conferma l'assessore alla Salute e alle Politiche Sociali della Provincia Autonoma di Trento - Quando riesci a fare prevenzione, quando riesci a migliorare la qualità della vita alla fine per il sistema questo è un risparmio che poi puoi reinvestire ulteriormente per migliorare il servizi".

Ma riuscire a ottenere una Sanità di alto livello richiede anche una popolazione che si faccia parte attiva del cambiamento. A partire dall'adozione di stili di vita corretti. "Il risultato di questo lavoro - spiega Paolo Bordon dell'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento - è un risultato di squadra che premia i nostri infermieri, i nostri medici, i nostri operatori sanitari, i nostri medici di medicina generale, ma anche la popolazione, perché l stile di vita di queste persone, le abitudi alimentari e sportive, hanno determinato questo tipo di risultato e la classifica che ci vede quest'anno in testa".

E i risultati di questo mix di fattori sono davvero importanti: la speranza di vita dei trentini alla nascita è di 6,7 anni superiore alla media nazionale. E al compimento del 65esimo anno di età, un cittadino trentino può sperare di vivere per ulteriori 10 anni e nove mesi senza problemi di salute che ne limitino le attività quotidiane: almeno un anno in più rispetto la media nazionale.

Riproduzione riservata ©
loading...