FESTIVAL DELL’ECONOMIA

Prodi: “Senza negoziato tra Cina e Stati Uniti non si va da nessuna parte”

di Barbara Fiammeri

“La Cina finora non ha mandato nemmeno una cartuccia e opera con un principio e una contraddizione. Il principio è quello cinese che la guerra la vince chi non la fa; in secondo luogo nella stessa frase Xi Jinping ha detto ‘Noi siamo amici perenni della Russia, ma non vogliamo che nessun confine sia cambiato'. Siamo alla contraddizione più palese. Il che vuol dire che la Cina sta alla finestra. O si fa un gioco più ampio e gli americani e i cinesi danno qualche riassicurazione reciproca, oppure non vedo ancora maturare il processo di pace”. Lo ha detto l'ex Presidente del Consiglio Romano Prodi a margine del suo intervento al Festival dell'Economia di Trento. Il Professor Prodi ha anche aggiunto: “L'Europa può diventare una grande potenza: siamo ancora la più grande del mondo, appena dopo la Cina, e il più grande esportatore del mondo. L'Europa però non può avere un ruolo in questa guerra perché ancora non siamo una grande potenza. Siamo divisi. Ci sono interessi così diversi tra i Paesi europei che come si fa a comporli con l'unanimità? Sono ansioso che venga ributtato nel fango il principio dell'unanimità e l'occasione c'è”.

Per approfondire
Lo speciale Festival Economia di Trento
Riproduzione riservata ©
loading...