Economia

L'economista nigeriana Okonjo-Iweala arriva alla guida del Wto

Roma, 15 feb. (askanews) - L'organizzazione mondiale del Commercio, il Wto, ha ufficializzato la nomina della economista nigeriana Ngozi Okonjo-Iweala a nuovo direttore generale. Si tratta della prima donna e della prima esponente africana ad assumere la guida dell'organizzazione ginevrina. Secondo quanto riporta una nota, entrerà in carica dal primo marzo.

La vita di Okonjo-Iweala è piena di numeri e primati. La sua nomina a direttore generale del Wto è l'ultimo di questi successi. Okonjo-Iweala, infatti, è attualmente a capo del Gavi e supervisiona le vaccinazioni annuali di milioni di bambini. Da direttore operativo della Banca Mondiale ha sorvegliato operazioni per 81 miliardi di dollari. Come ministro delle Finanze della Nigeria ha affrontato il debito da 30 miliardi di dollari del Paese. Ha 1,5 milioni di follower su

Twitter, fa parte di 20 organizzazioni no-profit, ha 10 lauree ad honorem che si aggiungono al suo dottorato e 20 premi di vario genere. Inoltre, la 66enne nigeriana, ha al suo attivo diversi posizionamenti nella classifica delle 100 donne più potenti al mondo e delle 100 persone più influenti sulla Terra.

La sua nomina a capo del Wto rimuove certamente uno degli ostacoli chiave al funzionamento dell'Organizzazione, che è stato senza leadership in un momento drammatico di pandemia e di crescente potezionismo. Ma anche con Okonjo-Iweala in testa e il rinnovato sostegno della Casa Bianca con l'amministrazione Biden, il Wto avrà molte sfide davanti soprattutto come arbitro del commercio internazionale.

Sarà la donna giusta al posto giusto? La sua storia suggerisce di sì.

Quando l'ex ministra delle Finanze aveva sei anni, la Nigeria divenne indipendente dalla Gran Bretagna, era il 1960. Cresciuta in un piccolo Paese nello stato del Delta, quando i genitori, entrambi accademici, studiavano in Europa, venne cresciuta dalla nonna insieme ai fratelli. A nove anni aveva già imparato a cucinare, tagliare la legna e fare i lavori domestici. La brutale guerra civile con i separtisti del Biafra che dilaniò la Nigeria, mise a repentaglio anche la sua istruzione. "Mangiavo un pasto al giorno e i bambini morivano. Ho imparato a vivere in maniera molto frugale. Dico spesso che posso dormire altrettanto bene su un pavimento di fango o su un letto fatto su misura. Questo mi ha reso una persona che può andare avanti senza alcune cose nella vita, a causa di quello che abbiamo vissuto", ha raccontato l'anno scorso a Forbes magazine.

Alla fine della guerra, Okonjo-Iweala si trasferì negli Stati Uniti per studiare economia ad Harvard e al MIT (Massachusetts Institute of Technology). Si sposò con l'amore della sua infazia all'età di 25 anni e iniziò a lavorare per la Banca Mondiale. Scalò la gerarchia e lasciò soltanto quando divenne ministro delle Finanze in Nigeria nel 2003.

"Il Wto ha bisogno di una faccia nuova, di un outsider, qualcuno che abbia la capacità di fare le rifome e lavorare con i componenti per fare in modo che il Wto esca dalla paralisi parziale in cui si trova", aveva detto alla Cnn. E poco dopo la

notizia della sua possibile nomina ha twittato: "C'è un lavoro

vitale da fare insieme di fronte a noi".

Riproduzione riservata ©
loading...