La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

fiume di denaro

È la Romania che ora importa cervelli italiani

Venticinque anni dopo lo sbarco in massa degli imprenditori italiani in Romania, il viaggio non è più di sola andata. C'è chi da Timisoara compra imprese in Italia, come Aldo Roccon, uno dei primi veneti arrivati qui nel 1994. C'è chi vorrebbe assumere italiani per non andarsene dalla Romania ma non ne trova, come l'imprenditrice Valica Vaccari. E chi assiste all'arrivo di professionisti e laureati italiani in fuga dal Belpaese, come Giacomo Billi, sbarcato nel 2013 a Bucarest per aprire la sua impresa che oggi fattura più di 50 milioni di euro all'anno. Un quadro sorprendente, se si pensa che solo 25 anni fa la Romania era un paese arretrato e da poco uscito dal giogo del comunismo

Riproduzione riservata ©
loading...

Ultimi dalla sezione