Economia

E-commerce: investimenti imprese salgono a 2% fatturato, boom Pmi

Milano, 11 feb. (askanews) - Cresce l'investimento nel digitale del retail italiano che nel 2020 è passato dall'1,5% al 2% del fatturato per compensare il calo delle vendite nei negozi causa Covid. E' quanto si legge nella settima edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Retail del Politecnico di Milano, secondo cui nel 2020 le vendite al dettaglio sono diminuite del -12,6% rispetto al 2019. A rischio sarebbero il 12% delle imprese retail non alimentare e il 16% delle attività legate alla ristorazione con una perdita di occupazione che potrebbe arrivare al 17,2%.

"Il mondo del retail sia in Italia sia a livello internazionale era già fortemente in crisi prima della pandemia. L'emergenza sanitaria non ha fatto altro che mettere a dura prova i retailer ma in qualche modo li ha spinti ad accelerare il processo di trasformazione digitale anche da parte di quegli operatori che erano più restii a farlo negli anni precedenti. I principali cantieri di lavoro sono stati: il potenziamento del commercio, la sperimentazione di modelli di integrazione fisico digitale e una forte attenzione alla digitalizzazione dei processi fisici in negozio per semplificare e rendere più autonoma l'esperienza del cliente", ha dichiarato Elisabetta Puglielli, ricercatrice dell'Osservatorio Retail.

Nel 2020 gli acquisti eCommerce online in Italia hanno toccato quota 23,4 miliardi di euro (+31% rispetto al 2019) e la penetrazione dell'E-commerce è passato dal 6% nel 2019 all'8% nel 2020. Per reagire alla crisi l'88% dei 50 top retailer italiani ha aumentato la presenza sul digitale, mentre il 64% delle Pmi ha lanciato servizio online e l'84% conta di proseguire.

Riproduzione riservata ©
loading...