Economia

Di Maio: lettera Ue? Sulla manovra non si arretra di un passo

  • 02:41

Roma, 6 ott. (askanews) - Sulla manovra "non si arretra di un passo e non c'è nessun piano B'" dopo la risposta negativa della Commissione Europa sulla nota di aggiornamento al Def. Lo ha dichiarato il vicepremier Luigi Di Maio, arrivando al villaggio della Coldiretti a Roma. "Ci aspettavamo che non sarebbe piaciuta a Bruxelles, ora inizierà una interlocuzione del ministro dell'Economia Giovanni Tria con l'Ue, faremo un gioco di squadra per spiegare a Bruxelles che non sono misure spot ma finalmente dopo tanti anni cambieremo la vita delle persone".

E se la crescita non rispettasse le previsioni? "Le previsioni non si fanno con i se" risponde il ministro del Lavoro. "Noi siamo convinti che quella sarà la crescita e con quella crescita riusciremo a ripagare il debito e abbassare il deficit".

"Ma deve essere chiaro a tutti i cittadini che il governo non arretra di un passo", ha ripetuto Di Maio. Il ministro del Lavoro e Sviluppo economico ha comunque espresso apprezzamento per il fatto che "la lettera sia stata mandata a mercati chiusi" e ha elogiato l'agricoltura come cardine del made in Italy italiano: "il nuovo presidente dell'Istituto del Commercio Estero che andremo a nominare nei prossimi giorni" dovrà tenerlo presente. Ma "Non c'è nessun piano B" prorio perché "altrimenti qualcuno si convince nei mercati e a Bruxelles" che il governo italiano arretri di fronte all'opposizione.

Riproduzione riservata ©
loading...