La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

fondi europei

Commissaria Cretu: «Gli euroscettici dilagano dove non si conoscono i benefici della politica di coesione»

La commissaria europea per la politica regionale Corina Cretu sta per lasciare la carica: «Ho consegnato la lettera di dimissioni al presidente Juncker», ha confermato il 25 giugno. La giornalista e politica rumena è stata eletta a fine maggio al Parlamento europeo, «per questo ho dovuto scegliere tra i due ruoli, così da poter cominciare il mandato come europarlamentare il 2 luglio».
Proprio a Bucarest il 27 e il 28 giugno si è tenuto l'ottavo forum annuale dell'Eusdr, il programma di politica di coesione che riguarda le regioni bagnate dal Danubio.
«Non posso nascondere la delusione – ha esordito Cretu nella conferenza stampa di apertura – perché alcuni Paesi non hanno colto il principio del programma di cooperazione interregionale del Danubio». È il disinteresse generale dei politici, degli amministratori locali e anche dei cittadini verso i fondi europei a loro destinati ad amareggiare la commissaria uscente. «L'euroscetticismo e i populismi nascono dalla non conoscenza dei benefici che l'Unione europea garantisce».

Riproduzione riservata ©
loading...