FONDI EUROPEI

Al via i lavori per il centro intermodale passeggeri di Oristano

di Davide Madeddu

I fondi europei per migliorare la mobilità, puntando soprattutto su quella ferroviaria. Limitando tempi di percorrenza e migliorando il traffico urbano ed extraurbano. E' la strada che segue anche il Comune di Oristano che ha avviato gli interventi per costruire il centro intermodale passeggeri. Ossia, un'area in cui si possa passare dall'utilizzo degli autobus o delle auto a quello dei treni senza difficoltà. Attivando la cosiddetta “integrazione tra i diversi sistemi di trasporto”. Perché l'obiettivo della del progetto che suona come una scommessa sul sistema ferroviario è quello di arrivare a garantire collegamenti tra Oristano e Cagliari o l'aeroporto di Elmas in 35 minuti. Un proposito come chiarisce il sindaco Andrea Lutzu “che vuole valorizzare la posizione centrale di Oristano in ambito regionale”. Punto di partenza il centro intermodale passeggeri. Struttura che il Comune ha deciso di realizzare con un investimento di 4 milioni di euro, risorse provenienti dal Por 2014-2020 finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). La struttura, l'avvio delle opere è iniziato, si sviluppa in un'area di 11.700 metri quadrati e trasformerà in punto nodale lo spazio di “interconnessione” tra i diversi mezzi di trasporto, auto private comprese. Il progetto prevede anche la realizzazione di area servizi nello spazio in cui si effettuerà il transito da un mezzo all'altro. “Il nostro obiettivo - chiarisce il primo cittadino - è quello di far diventare il centro intermodale il fulcro del cento trasportistico nella ferrovia, rotaia e gomma. Punto di incontro da cui poi si il traffico nelle direttrici più opportune migliorando la trasportistica sia cittadina sia regionale”. Il progetto, risale al 2008 quando Regione, Provincia e Comune sottoscrissero un Protocollo d'Intesa per la realizzazione dello studio di fattibilità. Poi, l'avvio dei lavori. Il completamente è programmato per il 2020. “Ora i lavori, finanziati dalla Regione attraverso il Por-Fesr, sono iniziati. L'obiettivo - conclude Lutzu - è quello di un trasporto integrato per garantire velocità ed efficienza al sistema territoriale e regionale”.
Riproduzione riservata ©
loading...