FONDI EUROPEI

A Padova una app per censire alberi e spazi verdi

di Francesca Sofia Fumagalli

Non solo abitanti e beni: Padova censisce anche i suoi alberi. L'applicazione per smartphone “PAPP-Ugb” (Padova Partecipa – Urban Green Belts) permette infatti ai cittadini del comune veneto di aggiornare in tempo reale i registri catastali, fornendo informazioni riguardo al numero e alla specie delle piante presenti all'interno degli spazi verdi privati. PAPP-Ugb è un elemento fondamentale di uno dei tre programmi pilota lanciati dal progetto europeo Urban Green Belts, a cui aderiscono Austria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Slovenia e Italia. Urban Green Belts nasce con lo scopo di individuare modelli e strumenti innovativi per l'analisi e la gestione intelligente del verde urbano, attraverso il coinvolgimento dei partner dei paesi interessati e di stakeholders.
Il Comune di Padova si è impegnato nella sperimentazione di metodi e strumenti smart per la valutazione e progettazione degli spazi verdi urbani e infrastrutture verdi. Innanzitutto, sono state apportate delle migliorie al già attivo modello GIS, ovvero un sistema informativo geografico in grado di analizzare e rappresentare entità o eventi che si verificano sul territorio padovano. L'amministrazione pubblica di Padova, può ora infatti servirsi di quattro indicatori chiave per avere una panoramica dei punti di forza e di debolezza nella gestione di giardini e parchi urbani: un indice ambientale, uno economico, uno ricreativo ed infine uno di qualità del paesaggio. Il Comune è però in possesso di solo il 10% delle aree verdi cittadine: per avere informazioni qualitative sullo stato e sulla composizione dell'intera vegetazione è necessario il contributo degli stessi abitanti. Ed è per colmare questa lacuna che è nata PAPP-Ugb: con l'applicazione, disponibile sul sistema Android, ciascun padovano è in grado di segnalare la presenza e lo stato di salute delle piante negli spazi privati, con tanto di foto e geolocalizzazione.
Il modello innovativo sperimentato dalla città di Padova è divenuto un esempio per gli altri Stati partecipanti al progetto, ora impegnati nel replicare gli strumenti di raccolta dati e la loro rielaborazione in indici informativi per le pubbliche amministrazioni. Grande uso ne è stato fatto a Cracovia, dove con piccoli investimenti mirati sono aumentate significativamente le visite alla foresta Witkowice, la cui superficie dedicata a scopi ricreativi è stata estesa dai 15 ai 120 ettari.
Urban Green Belts è riconosciuto dalla stessa Commissione Europea come uno dei più grandi successi nell'implementazione dei Fondi Europei durante il periodo di programmazione 2014-2020. L'investimento totale per il progetto, il quale rientra nella priorità “Ambiente ed efficienza delle risorse”, è stato di 2 milioni e 400 mila euro, coperto per l'84% dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
Riproduzione riservata ©
loading...