La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

Cultura

Università e Ricerca, vice-ministro Fioramonti: serve 1 miliardo

  • 01:21

Roma, 20 giu. (askanews) - Il vice-ministro all'Istruzione, Lorenzo Fioramonti (M5s), ha minacciato di dimettersi se "entro la fine dell'anno", quindi con l'approvazione della legge di bilancio, non si troverà un miliardo in più per Ricerca e Univeresità. Il vice-ministro pensa a tasse che aiutino a dirigere i consumi verso dei mercati più responsabili (più tasse su sigarette e bevande zuccherate, ad esempio), senza levare finanziamenti ad altri settori.

"Dopo 20 anni all'estero sono tornato in Italia per fare la differenza, per portare la scienza e la formazione al centro di un nuovo modello di sviluppo per il Paese. Ci credo fortemente e ritengo che tutti gli altri interventi che sono riuscito a mettere in campo finora, molti di carattere emergenziale, altri di carattere sistemico, abbiano senso soltanto se riusciamo a intervenire con dei finanziamenti importanti che riportino il settore dell'Università e della ricerca a un livello di galleggiamento. Non chiedo chissà quante risorse, abbiamo tagliato così tanto che dobbiamo tornare a un livello di galleggiamento. Dai nostri calcoli 1 miliardo di euro ci permetterebbe di arrivare a quella soglia. Non vogliamo togliere fondi a nessun altro, l'ho detto chiaramente. Non intendo rivendicare 1 miliardo per l'Università e la ricerca sottraendo magari dei finanziamenti alla salute o alle scuole, agli asili, ai comuni, ai servizi di base, assolutamente no. Infatti abbiamo fatto una proposta di alcuni interventi fiscali, di carattere promozionale, cioè tasse che aiutino anche a dirigere i consumi verso dei mercati più responsabili, rispetto a quello che accade oggi, che possano riuscire a generare un introito di un miliardo da investire per l'Università e la Ricerca, che sono fondamentali per rilanciare l'economia del paese".

"Se non dovesse avvenire non esiterò un secondo a dimettermi da vice-ministro e tornare a fare quello che facevo prima. Entro la fine dell'anno, l'obiettivo è la legge di bilancio", ha sottolineato.

Riproduzione riservata ©

Consigliati per te

Ultimi dalla sezione