Cultura

Un potere cosmopolita: i Farnese e le loro collezioni d'arte

Parma 26 mar. (askanews) - Un modo diverso di raccontare a un pezzo di storia d'Italia, rileggendo la vicenda della famiglia Farnese e il loro modo di guardare al potere e al mondo. A Parma, nel Complesso monumentale della Pilotta, un grande progetto espostivo analizza in che modo la casata ha utilizzato per secoli l'arte come strumento di legittimazione. E al centro della narrazione, nelle parole di Simone Verde, direttore della Pilotta e curatore della mostra, c'è la figura di Papa Paolo III.

"Questo Papa Farnese - ha spiegato Verde ad askanews - si trova a dover ricostruire la centralità dell'Urbe, della sua tradizione, quindi della Chiesa cattolica, facendo riferimento a strumenti inediti, soprattutto confrontandosi con un mondo globale che comprendeva popolazioni nemmeno sospettate o citate dalle Sacre Scritture e che quindi aveva bisogno di una rifondazione anche di stampo teologico. Cosa fece Paolo III? Andò a cercare nella tradizione tutti gli elementi che potevano provare che in realtà nella teologia della Chiesa cattolica questo mondo altro rispetto a quello europeo era stato già in qualche modo previsto o toccato dalla tradizione stessa".

Oltre 300 le opere in mostra, con alcuni Tiziano assolutamente straordinari, provenienti dalle collezioni del museo e da Capidmonte, collocati nella Biblioteca Palatina, ma accanto a questi simboli del potere culturale a loro modo tradizionali se ne trovano anche di inediti, come la "Messa di San Gregorio" realizzata da indios messicani per ringraziare Paolo III di avere riconosciuto anche loro come esseri umani. "E' questo in fondo l'asse centrale delle collezioni e delle committente farnesiane - ha aggiunto il direttore - ossia la riedificazione di Roma attraverso l'ispirazione a un'antichità che fosse cosmopolita".

E poi ci sono gli spazi della Pilotta che, ogni volta, sorprendono lo spettatore per la potenza che sanno esprimere già gli ambienti esterni, e poi il Teatro Farnese e i saloni enormi della Galleria nazionale. Tutti elementi che il tema della mostra esalta ulteriormente.

"Noi abbiamo come nessun altro Paese nel mondo occidentale - ha concluso Simone Verde - un'identità quasi perfetta tra il contenuto e il contenitore delle collezioni museali. In questo caso questa mostra ripete e amplifica questo aspetto".

La mostra "I Farnese - Architettura, Arte, Potere" resta aperta al pubblico a Parma fino al 31 luglio 2022.

Riproduzione riservata ©
loading...

Ultime dalla sezione