Cultura

"Liberate Britney!", i fan di Spears contro la tutela del padre

Roma, 28 apr. (askanews) - Diverse decine di fan di Britney Spears si sono dati appuntamento davanti al tribunale di Los Angeles, dove si è tenuta un'udienza sull'accordo giudiziario concluso nel 2008 in un tribunale californiano e che ha posto la popstar sotto una tutela legale - la "conservatorship" - gestita quasi completamente dal padre. Tramite il suo avvocato, l'artista, oggi 39 anni, ha fatto sapere che si esprimerà personalmente sulla vicenda. La data sarebbe già stata fissata per il 23 giugno.

"Mi sento davvero liberata, l'aria è piacevole - ha raccontato Jennifer Preston, fan di Britney, che si è fatta rasare la testa in suo onore - Mi sento davvero bene e abbiamo appena scoperto che Britney Spears ha chiesto di parlare di persona con il giudice e questo è geniale".

"Abbiamo delle grandi notizie, l'avvocato di Britney ha fatto sapere al giudice che Britney vuole parlare in aula", ha aggiunto un'altra fan, Lianne Simmons. "Così ha chiesto che in circa 30 giorni venga fissata un'altra udienza e Britney si rivolgerà direttamente alla Corte. È da tempo che aspettiamo questa cosa, vogliamo che Britney si faccia ascoltare, che parli di persona in quell'aula".

La tutela di Britney Spears, decisa in seguito a una serie di problemi psicologici che attirarono l'appetito dei media, va avanti da più di 12 anni. In base alla "conservatorship", tutte le decisioni sono prese dal padre Jamie Spears nel ruolo di tutore. Queste disposizioni sono ora state contestate dal legale di Britney, che ha recentemente chiesto al tribunale di Los Angeles di sostituire il padre con un tutore professionista, che possa co-gestire il caso con lui.

"Sarei sollevato che la tutela finisse e che potesse prendere le proprie decisioni - afferma con convinzione il sostenitore Jake Yonce - che la tutela sia giusta o meno per lei, alla fine è stata decisa senza motivo, non ci sono ragioni, è stata iniziata in modo fraudolento".

"Una gallina dalle uova d'oro, questo è quello che volevano, e quello che hanno avuto per tutti questi anni. Ora è tempo di lasciarla andare", ha concluso Norma Miranda, altra sostenitrice.

La campagna "FreeBritney", molto accesa sui social, va così avanti. Secondo alcuni Britney ha paura del padre e sul suo profilo Instagram manderebbe dei messaggi in codice per chiedere aiuto. La saga giudiziaria e psichiatrica della cantante è stata recentemente rilanciata dalla diffusione del documentario "Framing Britney Spears", che indaga il crollo della sanità mentale della star e il trattamento, spesso crudele, riservatole da alcuni media. Nel corso del suo lungo periodo di depressione seguito alla sua richiesta di divorzio da Kevin Federline nel 2006 e la perdita della tutela dei bambini nel 2007, Britney era stata vista a piedi nudi in una stazione di servizio dove si era rasata i capelli.

(immagini Afp)

Riproduzione riservata ©
loading...

Ultime dalla sezione