Napoli, (askanews) - Il volto di Pier Paolo Pasolini campeggia fuori dalla metro di Scampia: l'opera, che ricopre l'intera facciata di un edificio, è firmata da Jorit Agoch, street artist nato a Napoli da padre italiano e madre olandese.

Sul volto dello scrittore e regista friulano dei tagli rossi, simbolo di appartenenza ad una comunità, secondo la filosofia di Jorit, 28 anni, già autore di numerosi e importanti maxi ritratti a Napoli, tra cui il San Gennaro di Forcella e il Maradona di San Giovanni a Teduccio.

Nel luglio 2018 il writer è stato anche arrestato, e poi rilasciato, per avere realizzato a Betlemme, assieme ad altri due artisti, un murale dedicato ad Ahed Tamimi, adolescente palestinese che si è fatta 8 mesi di prigione per avere schiaffeggiato due soldati israeliani.

Suo anche il murale su Ilaria Cucchi, ultimato a ottobre 2018 sul muro di un edificio abbandonato all'Arenella, sempre a Napoli. In cantiere, infine, un murale per Angela Davis, attivista per i diritti dei neri americani. Un progetto, come quello di Pasolini, finanziato dalla Regione Campania.