Cultura

Il mito, lo spazio e il tempo: la pittura di Giuseppe Buzzotta

Milano, 26 feb. (askanews) -

+++ inviato file caduta di fetonte +++

+++ sono bruttine, lo so +++

Palermo, 25 feb. (askanews) - Una pittura che nasce dal confronto con il mito classico e approda a una tensione biologica, di libertà e difesa della libertà. Sono queste alcune delle suggestioni che vengono evocate dalla mostra di Giuseppe Buzzotta, la "Caduta di Fetonte", che è ospitata a Palermo nello spazio L'Ascensore.

ups

0.57-1.07

"E' proprio l'idea di spostarsi dentro questi spazi ignoti - ha spiegato l'artista - facendolo però all'interno di una struttura di conoscenze".

Conoscenze, appunto, che sono uno dei temi del lavoro di Buzzotta, che affronta, con la sua pittura, le questioni dello spazio e del tempo, nel loro non essere entità assolute, nel loro non corrispondere a quella sensazione di immediatezza percettiva con i quali normalmente pensiamo di averle decifrate. E, guardano i dipinti, la curatrice Elsa Barbieri ci apre altre possibili strade interpretative.

ups

0.18 - 0.40

"Nascono da una serie di riflessioni sui campi di forza - ha detto - sulle interconnessioni, e da un esempio, quello del vento, che noi non possiamo conoscere, e dalla ricostruzione della caduta di Fetonte".

La mostra palermitana è aperta al pubblico sempre su appuntamento fino all'8 aprile.

+++

TESTO PULITO

+++

Palermo, 25 feb. (askanews) - Una pittura che nasce dal confronto con il mito classico e approda a una tensione biologica, di libertà e difesa della libertà. Sono queste alcune delle suggestioni che vengono evocate dalla mostra di Giuseppe Buzzotta, la "Caduta di Fetonte", che è ospitata a Palermo nello spazio L'Ascensore.

"E' proprio l'idea di spostarsi dentro questi spazi ignoti - ha spiegato - facendolo però all'interno di una struttura di conoscenze".

Conoscenze, appunto, che sono uno dei temi del lavoro di Buzzotta, che affronta, con la sua pittura, le questioni dello spazio e del tempo, nel loro non essere entità assolute, nel loro non corrispondere a quella sensazione di immediatezza percettiva con la quale normalmente pensiamo di averle decifrate. E, guardano i dipinti, la curatrice Elsa Barbieri ci apre altre possibili strade interpretative.

"Nascono da una serie di riflessioni sui campi di forza - ha detto - sulle interconnessioni, e da un esempio, quello del vento, che noi non possiamo conoscere, e dalla ricostruzione della caduta di Fetonte".

La mostra palermitana è aperta al pubblico sempre su appuntamento fino all'8 aprile.

Riproduzione riservata ©
loading...

Ultime dalla sezione