Molta suspense nonostante l'ultraminimalismo del danese Moeller