Cultura

"Giovani e droga", film-inchiesta su chi ha deciso di raccontarsi

Roma, 6 ott. (askanews) - Un racconto senza filtri della vita di alcuni giovani tossicodipendenti durante il loro percorso di recupero: il 7 ottobre in prima serata su Rai2 il film-inchiesta "Giovani e droga" di Alberto D'Onofrio racconta la storia e la vita di alcuni giovani ospiti delle comunità di San Patrignano, della comunità La Torre del gruppo Ceis di Modena e dell associazione Anglad di Roma.

Al centro delle loro storie il difficile rapporto tra famiglia e figli durante la zona d'ombra dell'adolescenza e il ricordo delle prime esperienze con la droga, in qualche caso arrivata prestissimo, tra i 12 ed i 13 anni, senza nessuna conoscenza dei rischi devastanti derivanti dall uso delle varie sostanze stupefacenti. "In questo film non ho raccontato i tossicodipendenti come 'zombi' - ha detto l'autore e regista D'Onofrio - ma come persone che si rendono conto degli errori che hanno fatto e che li hanno portati a vivere momenti drammatici durante la loro vita. Ora stanno lavorando all interno della propria anima per cercare di uscire per sempre da questo problema. Gli operatori sociali e le educatrici delle comunità hanno un ruolo fondamentale all'interno di questo percorso e diventano quasi una seconda famiglia, mentre i genitori dei tossicodipendenti cercano di dimenticare i propri sensi di colpa e di ricostruire un rapporto con i propri figli. Ringrazio le comunità, i protagonisti di questo film-inchiesta ed i loro genitori perché hanno avuto il coraggio di mostrarsi a volto scoperto".

"Giovani e droga" è il racconto di una realtà che molto spesso fa paura, che però esiste e riguarda moltissime famiglie e molti giovani o giovanissimi.

Riproduzione riservata ©
loading...