Parigi, 21 set. (askanews) - Apre a Parigi fino al 29 gennaio una mostra che raccoglie 10 capolavori di Michelangelo Merisi. "Caravaggio a Roma, amici e nemici" mette a confronto il genio caravaggesco con altri pittori dell'epoca, radunando prestiti da musei italiani come la Galleria Borghese, la Pinacoteca di Brera ed altri. Italiane anche le curatrici, due note esperte come Maria Cristina Terzaghi e Francesca Cappelletti.

Ma il fulcro della mostra al museo Jacquemart-André sono due rappresentazioni quasi identiche della Maria Maddalena in estasi; una è la cosiddetta "Maddalena Klein", già esposta varie volte; l'altra, ricomparsa quattro anni fa, finora è stata esposta solo a Tokyo.

Incerta la datazione, forse 1610; incerta la mano autografa di Caravaggio; la mostra non vuole trarre conclusioni ma consentire agli studiosi di analizzare l'enigma. Francesca Cappelletti spiega:

2:20-2:28

2:31-2:48

"E' un incontro eccezionale fra due capolavori alla fine del percorso della mostra. Si vede la Maddalena in estasi e si può immaginare che guardi una luce fuori dal quadro; è uno sviluppo dello stile maturo di Caravaggio a Roma".