La prima pagina di oggi
Leggi fino al 30/9 a soli 9,90 €Prima ti abboni, più leggi, più risparmiAbbonati

FUORI CAMPO

Agnès Varda, la regista libera che fece da battipista alla Nouvelle Vague

di Cristina Battocletti

La regista, fotografa e sceneggiatrice belga
esordì con “La Pointe-Courte” nel 1955, inaugurando la Nouvelle Vague.
Raccontò le donne e l'emarginazione, spesso unendo i due temi, come in “Senza tetto né legge”, che vinse il Leone d'oro a Venezia nel 1985.
Le piaceva sperimentare i generi: girò molti documentari, tra cui uno sul popolo cubano “Salut les cubains” nel 1963 e un altro sulle Black Panthers nel 1968. Raccontò anche l'America erotica in un film ironico su un ménage à trois tra gli attori “Lion love (and lie)”. Prima di registrare la sua vita leggendaria nell'autobiografico “Varda par Agnès - Causerie”, attraversò la Francia da Nord a Sud con l'artista JR per conoscere storie di gente comune cogliendo per mezzo della fotografia tutta l'eccezionalità della vita quotidiana in “Visages villages”. Vinse l'Oscar alla carriera nel 2018

Riproduzione riservata ©
loading...

Ultimi dalla sezione