Arteconomy

L'ultima provocazione di Banksy che fa pulizia nel metrò di Londra

di Marilena Pirrelli

Banksy firma l'ennesimo video di protesta su Istagram con la frase “If you don't mask - you don't get”. L'uomo della deratizzazione appiccica gli stencil con i topi e le mascherine all'interno di un vagone del metro di Londra. L'artista gioca con le parole e con le immagini. In inglese il gioco di parole: If you don't ask, you don't get. (Se non chiedi, non ricevi) viene sostituito da “If you don't mask, you don't get, (se non indossi la mascherina/se non ti nascondi, non ricevi...). Forse allude alle mascherine degli infermieri che i politici conservatori hanno umiliato non votando un aumento dello stipendio negli ospedali in prima linea contro il Covid. Mentre fuori si applaude alle azioni di chi lavora per la NHS (il servizio sanitario inglese) loro (i politici) nascondono le loro azioni. Il video si chiude con i topini soffocati dalle loro stesse mascherine, prima disegnate come paracaduti. E alla fine il gioco di parole cambia sulle porte del metrò: “I get locked down, but I get up again” riprendendo in sottofondo la canzone “Tubthumping gal” del gruppo rock britannico Cbhumbawamba, molto conosciuta nel Regno Unito con le parole originali “I get knocked down...”: si è tornati al lavoro dopo il lockdown nel Regno Unito! Ma per i topi/infermieri nessun riconoscimento!
(video tratto da www.instagram.com/banksy/)
Riproduzione riservata ©
loading...