Prima dello spettacolo “Scandali segreti” - 1957 - Archivio storico Luce - La sala del “Teatro” racconta con straordinarie immagini gli anni dell'apprendistato della giovane Maria Luisa Ceciarelli, nata il 3 novembre 1931, iscritta alla Silvio d'Amico nell'anno accademico 1950-'51, dopo aver compreso, già a 14 anni, che recitare le avrebbe salvato la vita. Una ragazza che spicca per altezza, slancio, e una sincera propensione al dramma e ai tragici. E che un maestro assoluto del teatro come Sergio Tofano riconosce, con due indicazioni contrarie: le dice che è un vero talento comico, e di cambiare nome.

Moda

“La dolce Vitti”, una mostra a Roma racconta la splendida Monica

Apre oggi al Teatro dei Dioscuri al Quirinale di Roma una mostra fotografica e multimediale su Monica Vitti, dai primi anni della formazione al teatro, dal doppiaggio al cinema, dalla musa di Michelangelo Antonioni alla regina della commedia, dalla televisione ai “suoi” film d'autrice. Tra magnifiche fotografie provenienti da archivi pubblici e privati, installazioni audio e video, filmati d'archivio e brani autobiografici, testimonianze e proiezioni di film. La mostra, ideata e realizzata da Istituto Luce Cinecittà, sarà visitabile fino al 10 giugno.
Nella mostra la divai si racconta in prima persona, con la sua voce così particolare, attraverso ricordi, riflessioni, brani dei suoi libri. E anche grazie alle testimonianze di ieri - da Alberto Sordi a Ettore Scola, da Dino Risi a Steno - e a quelle di oggi - da Dacia Maraini a Michele Placido, da Giancarlo Giannini a Enrico Vanzina - di chi ha lavorato con lei o l'ha conosciuta.

Riproduzione riservata ©
loading...