(Reuters/Antonio Parrinello)

Italia

Lo spettacolare risveglio dell'Etna (senza danni)

La spettacolare attività eruttiva di lunedì sera con un'intensa attività stromboliana prodotta dal cratere di Sud Est si è repentinamente evoluta martedì 19 gennaio in una debole fontana di lava. Lo rileva l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania dopo un'osservazione del fenomeno. La fase esplosiva è diminuita significativamente e al cratere di Sud Est permangono sporadiche emissioni di cenere che sono disperse rapidamente dai venti in quota. Dall'analisi delle immagini si osserva inoltre che i due i flussi lavici, confinati in area sommitale, sono in raffreddamento: uno si dirigeva verso Est, all'interno della desertica Valle del Bove, l'altro verso Nord. C'è stato anche un rapido decremento del tremore vulcanico e del segnale infrasonico che sono tornati a livelli che hanno preceduto l'attività eruttiva. I dati di deformazione non mostrano variazioni significative. L'ampiezza del tremore dei canali magmatici interni dell'Etna risulta su livelli medi. I dati delle reti di deformazione non mostrano variazioni significative.
Riproduzione riservata ©
loading...