Roma, (askanews) - "Native advertising", ovvero la pubblicità integrata nei contenuti, la crescita degli utenti su mobile e del numero di video guardati ogni giorno su internet: sono state le topic al centro di un seminario organizzato a Roma dal colosso "Yahoo" e dalla società di ricerca "comScore" per aiutare i player del settore a misurare l'audience e a monetizzare il traffico sul web. "Sul mobile invece siamo partiti con grande anticipo. La nostra Ceo (Marissa Mayer, ndr) due anni fa ha iniziato proprio a sospendere le attività su pc, quindi il rilascio di nuovi prodotti editoriali, di nuovi servizi, per mettere il telefonino prima", ha spiegato il country commercial director di Yahoo Lorenzo Montagna.L'azienda capitanata da Marissa Mayer conta 14 milioni di utenti su pc e 10 milioni su telefonino, ma è previsto un pareggio e poi un superamento delle rispettive cifre: "Abbiamo dovuto rivedere tutta la strategia mettendo questo 'mobile first' che sembra banale ma è una rivoluzione vera", ha aggiunto Montagna.La tendenza per il 2015 sarà sicuramente quella di investire sul "mobile" e sui social network, anche quelli nuovi. Secondo Fabrizio Angelini, Ceo Sensemakers, rivenditore esclusivo per l'Italia di comScore: "In questo momento diciamo sicuramente c'è una grande attenzione ancora per il mondo social. Noi vediamo comunque che tanto tempo viene speso in ambito social sta cambiando anche la fruizione sui social, nuovi ambienti social che stanno emergendo come snapshot, tumblr per esempio, qui siamo in casa di Yahoo".