Milano (askanews) - Design vintage, leggera, compatta, sia manuale che automatica. E' la fotocamera X-T10 lanciata da Fujifilm in Italia, la nuova arrivata nella linea X. Questa sorellina, così la chiamano alla Fujifilm, ha poco da invidiare alla X-T1, l'ammiraglia, dedicata ai professionisti. La nuova arrivata è rivolta a un pubblico diverso, come spiega il project manager di Fujifilm Riccardo Scotti, alla presentazione della fotocamera a Milano: "E' consigliato a chi sta cominciando a entrare nel mondo della fotografia, la curva di apprendimento è molto più veloce".Una mirrorless semi professionale dotata di molti punti di forza ereditati dalla X-T1. Tra questi, il mirino elettronico realtime col quale gestire tempi, iso e diaframmi vedendo in anteprima in tempo reale che foto sarà ancora prima dello scatto. Poi la messa a fuoco super performante con i soggetti in movimento; una velocità di scatto potenziata, il wi-fi integrato e lo schermo lcd basculante. Continua insomma a stupire la serie X, nata cinque anni fa. Guglielmo Allogisi, capo divisione digital imaging di Fujifilm Italia: "Per noi è stato un anno importantissimo quello passato e abbiamo affermato la nostra politica e la nostra filosofia di distribuzione. Abbiamo quasi duplicato le vendite della serie X di fotocamere e abbiamo quasi triplicato le vendite degli obiettivi".Secondo Allogisi, il segreto di questo successo sta anche nell'attenzione dell'azienda all'utente finale: "Uno degli esempi più lampanti è il lancio del nuovo firmware per la XT1. Per noi è estremamente importante supportare e seguire chi ha scelto Fujifilm anche nell'aggiornamento dei vari firmware, ovviamente tutti gratuiti - ha sottlineato - Gli obiettivi li abbiamo raggiunti. Vogliamo continuare questo tipo di filosofia: fotocamere sempre più orientate a utilizzatori professionali o semiprofessionali". L'appuntamento è a giugno con la vendita della X-T10. Mentre a luglio sarà la volta del nuovo teleobiettivo Fujinon XF90mmF2.