Roma, (TMNews) - Uno sguardo al cielo serale del mese di ottobre che comincia a far bella mostra delle costellazioni che domineranno le notti invernali. Ad est infatti comincia ad apparire il Toro e l'Auriga con il luminoso ammasso delle Pleiadi. Pi in alto Perseo, Ariete e Andromeda. Verso sud, al di sopra della costellazione del Pesce australe, ci sono il Capricorno, l 'Acquario, i Pesci e il Pegaso. Verso ovest vanno tramontando le tre costellazioni che hanno dominato il cielo estivo, e cioè l 'Aquila, la Lira e il Cigno. In direzione del nord infine, l'Orsa maggiore è bassa sull 'orizzonte, mentre più in alto ci sono il Drago, Cefeo, Cassiopea e la Giraffa.Per quanto riguarda i pianeti, Mercurio nella prima parte del mese è praticamente inosservabile: il 16 sarà infatti in congiunzione con il Sole. La situazione migliora verso la fine del mese, quando torna visibile al mattino verso est.Anche Venere continua il suo avvicinamento al Sole - sarà in congiunzione il 25 - e diventa quindi inosservabile. Marte è ancora visibile nelle prime ore della sera, verso sud ovest. Giove sorge nella seconda parte della notte verso est ed ben visibile fino all'alba. Anche Saturno come Mercurio e Venere questo mese si avvicina al sole ed è praticamente impossibile osservarlo.La luna sarà protagonista di interessanti congiunzioni nel mese, come quella con le Pleiadi la sera dell'11, con Giove, nelle prime ore del 18, prima del sorgere del sole, e con Marte nelle prime ore della notte del 28 ottobre.