Roma (TMNews) - Se avete una start up nel settore dell'information technology, è l'occasione che fa per voi: una settimana in Israele, in ottobre, per incontri con esperti e investitori. E' il premio in paolo per la start up che vincerà il Tel Aviv Boot Camp. Presentato a Roma nei locali della Luiss Enlabs, il boot campo è sponsorizzato dall'ambasciata di Israele. L'ambasciatore Naor Golin spiega perché Tel Aviv, per un progetto che coinvolge 14 paesi da tutto il mondo: "Siamo fieri di essere il paese con più start up al mondo, e vogliamo mettere in contatto tutti i vincitori, uno per ogni paese: sarà util a loro e a noi".Tutto nel campo ovviamente dell'alta tecnologia. Chi vuole partecipare deve inviare una presentazione video del suo progetto start up. Luigi Capello, fondatore dell'incubatore Luiss Enlabs: "Penso che sia una ottima opportunità per una start up: il concorso è aperto a tutti, vinca il migliore, che avrà la possibilità di passare una settimana in Israele e visitare tutti questi interlocutori. Ricordo che Israele è la seconda tech economy del mondo dopo gli Stati Uniti".