New York (askanews) - Un cinguettio che sembra un urlo di dolore. Twitter ha annunciato che taglierà l'8% della sua forza lavoro a livello globale, in tutto resteranno a casa fino a 336 dipendenti. Fino al 30 giugno 2015 il social network dava lavoro a 4.100 persone e 316 milioni di utenti attivi al mese. Per fare un paragone Facebook ne impiega 10.995 e ha circa 1,5 miliardi di utenti. Ma secondo i vertici del social network serve un piano di ristrutturazione per cercare di diminuire gli sprechi e investire nelle aree più redditizie per il gruppo.La transizione avrà dei costi: tra i 10 e i 20 milioni di dollari in liquidazioni e buonuscite, tra i 5 e i 15 milioni di dollari per completare la ristrutturazione. La mossa di Twitter arriva in un momento difficile per la società che solo qualche settimana fa ha confermato alla guida il co-fondatore Jack Dorsey che dal primo luglio sostituiva Dick Costolo.Il gruppo continua a non convincere gli investitori: a preoccupare maggiormente è la crescita degli utenti unici, giudicata troppo lenta. In tutto questo Twitter sta cercando di cambiare strategia. Da una parte ha appena lanciato Moments, un magazine globale che riunisce tutte le notizie più importanti del momento, dall'altra potrebbe mettere in atto alcuni cambiamenti epocali come ad esempio l'aumento dei caratteri minimi per ogni tweet.(immagini AFP)