Wallups Island (TMNews) - Questa volta il cigno ha spiccato il volo e ora avanza ad ali spiegate verso la Stazione Spaziale Internazionale per portare ai sei astronuati dell'equipaggio rifornimenti e indumenti puliti. Il lancio della navetta privata Cygnus della Orbital Science Corporation dalla base delle Wallups Island, negli Stati Uniti, è riuscito senza ulteriori complicazioni dopo una serie di rinvii, dovuti al maltempo.A bordo oltre 1.600 Kg tra cibo, indumenti, attrezzature per l'equipaggio ed esperimenti scientifici, oltre a una nuova pompa che dovrà essere installata sul modulo giapponese Kibo.Un successo anche italiano, visto che il modulo pressurizzato della navetta, come gran parte dei moduli abitabili della Iss, è stato costruito in Italia negli stabilmenti della Thales Alenia Space. L'arrivo sulla Iss è previsto per il 16 luglio. La navetta cargo si posizionerà in deriva libera a pochi metri dalla base orbitante e verrà afferrata dagli astronauti con il braccio robotico per poi essere attraccata al Nodo 2 della stazione. A fine missione, carica di rifiuti, tornerà sulla Terra bruciando nell'atmosfera.Si tratta della terza missione in totale verso la Iss della navetta spaziale americana, la seconda operativa dopo il volo di collaudo, accolto dal nostro Luca Parmitano durante la missione "Volare" dell'Agenzia spaziale italiana (Asi). È, inoltre, l'ottava della Orbital in forza dell'accordo commerciale siglato con la Nasa che, dopo il pensionamento degli Shuttle, non ha più una propria navetta per rifornire la stazione spaziale e deve affidarsi alla Dragon di Space-X e, appunto, alla Cygnus di Orbital.Intanto a bordo della Stazione spaziale internazionale, l'astronauta tedesco dell'Agenzia spaziale Europea (Esa), Alexander Gerst, in orbita per la missione di lunga durata "Blue Dot", ha festeggiato a suo modo la vittoria del mondiale di calcio della Germania: una vittoria... "spaziale".