Milano (askanews) - L'avventura continua: l'Esa, l'Agenzia spaziale europea, ha comunicato che la missione della sonda Rosetta e del suo lander, Philae sulla cometa 67/p Churyumov-Gerasimenko è stata prolungata fino alla fine di settembre 2016. Inizialmente era previsto che la missione durasse fino al dicembre 2015.Rosetta, costruita per gran parte in Italia, è stata lanciata nel 2004 ed ha raggiunto la cometa dopo 10 anni, nell'agosto 2014, studiando da distanza ravvicinata il nucleo e l'ambiente, i suoi movimenti, come cambia la consistenza man mano che si avvicina al Sole.Per la prima volta nella storia, inoltre, un lander, Philae, è addirittura atterrato sulla cometa il 12 novembre 2014, per sondarne il nucleo con il suo trapano Sd2, ideato e costruito in Italia dal Politecnico di Milano. A causa dello scarso irraggiamento solare, però, ha esaurito l'energia ed è caduto in una sorta di letargo dal quale è riuscito a ridestarsi solo nei primi giorni di giugno 2015."La notizia del prolungamento della missione è semplimcemente fantastica per la scienza - ha commentato Matt Taylor, capo progetto della misisone Rosetta - potremo monitorare il calo dell'attività della cometa man mano che si allontanerà di nuovo dal Sole. Avremo l'opportunità di volare più vicino alla cometa e raccogliere dati importantissimi. Confrontando i dettagli del 'prima e dopo' per comprendere meglio come si evolvono le comete durante la loro vita".La 67/P Churyumov-Gerasimenko sarà nel punto più vicino al Sole il 13 agosto 2015. Rosetta effettuerà nuovi passaggi ravvicinati compresi voli lungo il lato notturno per osservare plasma, polvere e gas e raccogliere campioni di polvere espulsi vicino al nucleo.