Milano (askanews) - Mancano poco più di 5 giorni al sorvolo del pianeta Plutone e della sua luna maggiore, Caronte da parte della sonda spaziale della Nasa, New Horizons, previsto per il 14 luglio 2015.Per la prima volta nella storia, la navicella sfiorerà la superfice del pianeta nano a una distanza di 12.500 chilometri diventando l'oggetto costruito dall'uomo mai giunto più vicino a Plutone. New Horizons rispedirà sulla Terra una serie di immagini in alta definizione e dati che serviranno a realizzare la mappa più dettagliata mai vista prima del pianeta ai confini del sistema solare. Avvicinandosi al pianeta la sonda ha già realizzato diverse immagini che hanno messo in evidenza la struttura di Plutone che presenta un colore rossastro come Marte, dovuto però non all'ossido di ferro ma ad alcune molecole (le toline) che si formano per interazione dei raggi cosmici e della radiazione Ultravioletta con il metano.La sonda è stata lanciata il 19 gennaio 2006 dalla base spaziale di Cape Canaveral in Florida, con una velocità di 58.536 km/h è diventato l'oggetto più veloce che abbia mai lasciato la Terra.In 9 anni di viaggi è stata più volte messa in ibernazione ma a pochi giorni da rendez vous con Plutone ha lasciato col fiato sospeso gli scienziati del suo team quando è entrata inaspettatamente in "safe mode". Fortunatamente l'allarme è rientrato, la missione non è stata compromessa ed ora si attendono con ansia le prime immagini del pianeta nano.