Tanegashima (askanews) - Solcherà lo Spazio alla scoperta dei segreti di uno dei più misteriosi fenomeni dell'Universo: i buchi neri. Il satellite giapponese Astro-H è un potente telescopio a raggi X messo in orbita, dopo un rinvio dovuto alle cattive condizioni meteo, con un razzo H-2A partito dalla base di Tanegashima, dell'agenzia spaziale nipponica Jaxa.Secondo i tecnici, il razzo ha seguito la traiettoria prevista e il satellite s'è separato dal vettore dopo 14 minuti di volo, tra gli applausi delle persone presenti in sala controllo.Astro-H aiuterà gli scienziati giapponesi a dare risposte ad alcune domande fondamentali della fisica, per esempio "Quali sono le leggi della fisica nelle condizioni estreme? Cosa è accaduto nel momento della nascita dell'universo? Come si sono formate e come si sono evolute le galassie? Come si espandono i buchi neri e qual è la loro influenza sui loro dintorni?"A bordo del satellite ci sono 200 specchi di raccolta e concentrazione dei raggi X verso strumenti di ultima generazione, tra i quali quattro telescopi e due rilevatori a raggi X, un sistema d'estensione della focale con due altri rilevatori e uno spettrometro. Rileverà anche le regioni dello spettro dei raggi X ad altissima energia.Il vettore H-2A è stato sviluppato dalla Mitsubishi Heavy Industries e vanta uno "score" di 29 lanci riusciti su 30. Nonostante il suo tasso di successi, il costo eccessivo dei lanci non lo rende competitivo rispetto ai suoi concorrenti, come il razzo europeo Ariane.(Immagini Afp)