Milano (TMNews) - È iniziata ufficialmente alle 14.44 italiane dell'11 maggio 2013, sulla Stazione spaziale internazionale, la missione extra veicolare straordinaria degli astronauti americani Tom Marshburn e Chris Cassidy. La "passeggiata spaziale", di circa 6 ore e mezza, si è resa necessaria per riparare la perdita di ammoniaca usata come refrigerante per i radiatori della base orbitante.L'obiettivo di Marshburn e Cassidy è isolare la zona danneggiata, localizzata all'estremità di uno dei due bracci della Iss, e fermare la perdita prima che si renda necessario bloccare il sistema guasto, tagliando di fatto un quarto dell'energia disponibile per la stazione. Già nel novembre 2012 l'astronauta americana Sunita Williams e il giapponese Akihiko Hoshidu avevano tentato di riparare lo stesso tipo di danno nella stessa zona, ma i tecnici non sono ancora certi che i due episodi siano collegati.La stazione spaziale internazionale è, di fatto, un laboratorio scientifico orbitante a circa 400 km dalla superficei terrestre, frutto della collaborazione delle agenzie spaziali di Stati Uniti, Russia, Europa, Giappone e Canada. Gran parte dei suoi componenti è stata costruita in Italia e proprio un astronauta italiano, Luca Parmitano, la raggiungerà il 28 maggio prossimo per una missione di sei mesi in orbita.