Roma (TMNews) - Roberto Battiston, già presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare è il nuovo presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana. Nominato dal Ministero per la Ricerca, succede al commissario straordinario Aldo Sandulli, che a sua volta aveva preso il posto del dimissionario Enrico Saggese, ai domiciliari dal febbraio 2014 per un'inchiesta su presunte tangenti.Battiston, trentino, 58 anni, sposato e padre di 4 figli è ordinario di Fisica Sperimentale all'Università di Trento. Ha svolto prestigiosi incarichi in campo scientifico e aerospaziale ed è considerato il "padre" dell'AMS, l'Alpha Magnetic Spectrometer, il cacciatore di antimateria portato in orbita dall'astronauta italiano Roberto Vittori con lo Shuttle Endeavour e attualmente agganciato alla Stazione spaziale internazionale."Il mio impegno - ha dichiarato Battiston - sarà perché l'Agenzia torni ad essere il punto di snodo importante per lo sviluppo di attività industriali e scientifiche nello Spazio". "L'Italia - ha concluso - ha una grande tradizione in questo settore e la dovrà mantenere anche in futuro."L'Asi è impegnata su molti fronti in campo internazionale con l'Esa e la Nasa e soprattutto per 2 fondamentali missioni: quella della sonda europea "Rosetta" che il prossimo autunno, per la prima volta nella storia, atterrerà su una cometa e poi la missione "Futura" che da novembre 2014 vedrà la prima donna astronauta italiana, Samantha Cristoforetti, restare per quasi 6 mesi sulla Stazione spaziale internazionale.