Darmstadt (askanews) - "Grazie a tutti, questo è un risultato di sistema, del sistema Paese, del sistema industriale, del sistema ricerca. Dobbiamo continuare a far sistema e con questo riusciremo a far cose grandissime perché l'Italia è un grande Paese e l'Europa un grande continente". Così, con un calice in mano, il presidente dell'Asi (Agenzia spaziale italiana) Roberto Battiston ha celebrato l'atterraggio del lander Philae della sonda Esa (European space agency) Rosetta sulla cometa 67P Churyumov-Gerasimenko, del 12 novembre 2014.Una missione "che ha radici nel passato ma che guarda al futuro - ha aggiunto Battiston - perchè per la prima volta studieremo cosa c'è sotto la superficie. Ci stiamo preparando per Exomars".Con Rosetta poi "si fa scienza fondamentale, per capire chi siamo e da dove veniamo, rendendoci conto della fragilità dell'Universo". "L'Italia oggi - ha poi sottolineato Battiston - è un grande Paese in una grande Europa".