Los Angeles (TMNews) - Con uno spettacolare effetto "lancio", Elon Musk patron della SpaceX, prima compagnia spaziale privata americana, ha presentato la seconda versione della navetta Dragon, in grado di portare sulla Stazione spaziale internazionale fino a 7 astronauti. E' la prima navetta americana che può trasportare nello Spazio equipaggi umani dopo il pensionamento degli Space Shuttle, che ha lasciato alle Sojuz russe l'esclusiva nel settore.La plancia di comando, con touch-screen e console multimediali, ricorda l'Enterprise di Star Trek."E' molto semplice, ha spiegato Musk - e il pilota può avere tutto sotto controllo e manovrare facilmente l'astronave, risolvendo eventuali emergenze con i comandi manuali".In un contesto fortemente instabile per la cooperazione tra americani e russi, messa alla prova dalla crisi in Ucraina, con il Cremlino che ha annunciato un possibile addio ai voli verso la Iss a partire dal 2020, la Dragon V2 potrebbe colmare il vuoto lasciato dagli Shuttle.Non solo, la navetta rappresenta anche un importante passo avanti nella riduzione dei costi del programma spaziale occidentale perché è dotata di 8 retrorazzi che le consentono un atterraggio controllato, al posto del consueto tuffo nell'oceano.Al contrario delle Sojuz, dunque, la Dragon V2, sarà recuperabile e pronta a ripartire in tempi brevi. I primi voli della navetta verso la Stazione spaziale dovrebbero iniziare tra il 2017 e il 2018, anno in cui scadrà il contratto da circa 460 milioni di dollari della Nasa con la Russia per i viaggi con la Soyuz.