Harvard, (TMNews) - La tecnologia imita la natura. I ricercatori della Harvard University hanno preso esempio dall'efficiente organizzazione sociale di api, formiche e termiti per mettere a punto Kilobots, un migliaio di piccoli automi destinati a rivoluzionare il mondo della robotica. Di preciso sono 1.024 robottini che si muovono in sincronia grazie a dei piccoli motori che permettono di scivolare lungo le superfici e che comunicano tra loro grazie alla tecnologia a infrarossi. L'obiettivo è riprodurre i meccanismi delle comunità di insetti osservate in natura per svolgere precise funzioni: "I collettivi in biologia coinvolgono un numero enorme di entità che collaborano tra loro, che si parli di cellule, insetti o altri animali, che assolvono ad uno stesso compito che va molto oltre la scala del singolo individuo" spiega Michael Rubinstein, ricercatore associato della Harvard School of Engineeering and Applied Sciences e del Wyss Institute.Per ora i Kilobots riescono a riprodurre con un comando le lettere dell'alfabeto o forme complesse come una stella o una chiave inglese, ma in futuro potrebbero rispondere ad esigenze più evolute ed utili alla società: gli scienziati pensano alla pulizia dell'ambiente o alla risposta ai disastri naturali.(immagini Afp)