Milano (askanews) - Accendere la luce, far partire la musica su Spotify, controllare una GoPro, solo con un movimento del polso. Si chiama "Hiris" il wearable computer in grado di riconoscere i movimenti e controllare altri dispositivi tecnologici, creato dalla startup italiana Circle Garage, nata a Genova nel 2013 e poi cresciuta nell'incubatore di imprese I3P del Politecnico di Torino. Il fondatore è Marco Gaudina, 33 anni."Hiris nasce come tecnologia indossabile che analizzando i nostri movimenti ci può aiutare in molteplici situazioni, da capire quando non stiamo molto bene, andando a misurare la temperatura corporea, i battiti cardiaci, ad essere di supporto dove ci sono dispositivi che possono essere controllati. Analizzando il nostro movimento, facendo una singola gesture si possono controllare ad esempio le luci del soggiorno o della cucina".Il dispositivo è Air touch quindi si gestisce anche senza toccare lo schermo, può essere usato in diverse zone del corpo, e non solo, anche contemporaneamente fino a 12 unità. Le applicazioni sono infinite, dallo sport, al controllo della casa, e potrebbero fare davvero la differenza per chi ha problemi motori, in caso di disabilità ma anche semplicemente di traumi temporanei.Il prodotto è in fase di finalizzazione, si sta concludendo la campagna di crowdfunding. L'obiettivo è passare dalla decina di esemplari alla produzione su più larga scala.