Genova (askanews) - Robot in grado di imitare il comportamento degli esseri umani, batterie alimentate da batteri, materiali plastici biodegradabili e biocompatibili costruiti a partire dalla cellulosa. Sono alcune delle innovazioni ispirate ai processi della natura in mostra al Festival della Scienza di Genova fino al primo novembre.La mostra-laboratorio "Biomimesi", curata dall'Istituto italiano di tecnologia, permette di scoprire come il modello tecnologico del futuro prenda spunto dall'evoluzione biologica che, a partire da una manciata di elementi, è stata capace di costruire lo straordinario percorso della vita.Applicazioni praticamente infinite come spiega il divulgatore scientifico, Gabriele Piersimoni."La maggior parte delle applicazioni - ha spiegato - non vengono nemmeno pensate dai ricercatori, ma da persone esterne come nel caso della medicina o nel caso dei robot quadrupedi che permettono di raggingere zone non raggiungibili da robot dotati di ruote quindi in caso di disastri naturali, di monitoraggio ambientale in zone non abitate e così via, o nel campo della sicurezza con le telecamere che permettono di 'vedere il suono', che imitano i sensi del gufo artico per riuscire a identificare una sorgente di rumore visivamente".