Roma, (askanews) - Un nuovo robot intelligente che interagisce con gli uomini, impara e replica le azioni senza la necessità di una programmazione via software. A Genova è stato presentato "LBR iiwa", progettato dalla tedesca Kuka, che ha scelto l'azienda genovese Telerobotlabs per studiare nuovi canali di applicazione. Questo robot è pensato per lavorare con l'uomo ed è già stato utilizzato nei sistemi di assemblaggio flessibili e di cooperazione uomo-macchina. Sarà possibile così far lavorare uomini e robot fianco a fianco, senza barriere protettive, come spiega l'amministratore delegato di Telerobotlabs, David Corsini."E' una macchina fatta per collaborare con gli uomini, è una frontiera prossima, un inizio. Chiude il cerchio della robotica industriale convenzionale e ne apre uno della robotica collaborativa, umana, flessibile facile da usare. E' un robot amico".Un robot amico, ma che non vuole sostituire il lavoro dell'uomo: "Ogni volta che c'è un robot e si pensa che sostituisca un uomo ci sono almeno altri tre uomini che lo costruiscono e lo fanno funzionare. Quindi non è vero che la robotica toglie posti di lavoro".E il nuovo robot verrà utilizzato anche in campo sanitario, come nella riabilitazione. Corsini illustra l'esempio di una macchina mossa da un medico che "simulerà un percorso di riabilitazione, di movimento di un arto terapeutico, la macchina lo imparerà subito e lo ripeterà da sola".