Sunnyvale (TMNews) - Duemila videogiochi in 48 ore: è la sfida del Global Game Jam, svoltasi dal 25 al 27 gennaio 2013 a Sunnyvale in California, Stati Uniti. Si tratta di una competizione a squadre, dedicata ai programmatori (professionisti e non) di tutto il mondo, per la creazione di videogame inediti."Molti partecipanti non hanno mai lavorato insieme e non si conoscono nemmeno - spiega Albert Chen, docente del Cogsweel college - Quindi abbiamo delle ottime squadre miste formate da studenti, programmatori e professionisti per un perfetto equilibrio tra le diverse discipline. Ci sono programmatori, designer, artisti e anche specialisti del suono".L'obiettivo del Global Game Jam non è solo creare videogiochi ma anche dar vita a qualcosa di utile dimostrando che non si tratta solo di un hobby o di un passatempo, ma di un mezzo di comunicazione che merita rispetto al pari del cinema, della letteratura o della musica."Nel nostro gioco - spiega questo giovane studente - impersonate è una star del rock che insegue la donna dei suoi sogni combattendo contro il colesterolo che prova ad uccidervi e volando in cielo a cavallo di un cuore gigante. Sarete inseguiti anche dalle groupie, vi disturberanno un po' ma sono inoffensive"."Il personaggio creato dal nostro gruppo, invece - spiega un altro concorrente - è un guaritore che ha il compito di salvare la vita dei suoi compagni di gioco. Potete vedere il ritmo cardiaco dei vostri compagni grazie a un cardiofrequenzimetro; più la linea è piatta più loro rischiano la morte e voi dovete salvarli".(Immagini Afp)