Roma, (TMNews) - Dal deserto allo spazio: arriva il mega-telescopio con cui si potrà osservare una parte dell'Universo grazie al più grande progetto astronomico del mondo, un telescopio gigante che sarà inaugurato il 13 marzo, nel nord del Cile. Il progetto porta anche un po' i colori italiani. Perchè tra i ricercatori che hanno lavorato al progetto c'è il connazionale Massimo Tarenghi, astronomo e rappresentante in Cile dell'Organizzazione europea per la Ricerca astronomica nell'emisfero australe. È lui che, dal 2002, è project manager dell'iniziativa: "Il progetto sara' una rivoluzione. Ci apprestiamo a passare dal vecchio grande osservatorio millimetrico di 8-10 antenne a 66. Ma non è solo quello. Siamo in un luogo incredibile, dove ci sono condizioni atmosferiche uniche". "Il progetto offrirà la possibilità di andare in profondità e nel dettaglio. E questo consentirà di trasformare completamente la nostra visione di una parte dell'universo".Il supercomputer più potente al mondo è stato installato, in alta quota, nelle Ande del Cile settentrionale. Con oltre 134 milioni di processori, può eseguire fino a 17 biliardi di operazioni al secondo.Fonte: Afp