Lisbona - Oltre 60mila partecipanti, più di 1000 speaker, quattro padiglioni dove si incrociano colossi come Google, startup in cerca di finanziamenti e investitori. Siamo al Web Summit, la «Davos del tech» che si sta svolgendo a Lisbona. L'evento, in programma dal 6 al 9 novembre, ha richiamato nella capitale portoghese grossi gruppi di informatica e e-commerce (da Amazon a Microsoft), personalità della politica (come Margrethe Vestager, il commissario europei che ha inflitto multe miliardarie ai giganti della Silicon Valley) e parecchi appassionati, inclusa una buona quota di italiani. Dopo la cerimonia d'esordio, con un videomessaggio dell'astrofisico Stephen Hawking, si sono susseguiti interventi su tutto quello che ruota intorno all'innovazione: dalle fake news veicolate in campagna elettorale all'urgenza di regolamentare la tassazione delle multinazionali della digital economy, passando per le strategie manageriali di Ryanair e Uber (che ha annunciato una flotta di velivoli per il trasporto di persone entro il 2020). Ecco cosa abbiamo trovato fra gli stand dell'evento.