Milano (askanews) - Basta un click per condividere una foto sul Web, un gesto semplice che rende quell'immagine di dominio pubblico per sempre. Dettagli su cui soprattutto i giovani rischiano di soffermarsi poco e su cui invece vuole mettere l'accento l'ultima campagna di Pepita Onlus, la cooperativa sociale a sostegno dell'educazione dei giovani. "#SafeSelfie: pensa prima di condividere" ha come obiettivo invitare tutti a una riflessione: recuperare il rispetto verso se stessi, salvaguardando la propria identità. "Ogni giorno fatti di cronaca che riportano atti di cyber bullismo tra teenager, fanno riferimento alla potenza dei social network nella diffusione di immagini e video, talvolta offensivi, altre hard" dice Pepita Onlus - la reputazione si gioca in pochi attimi".