Bergamo (TMNews) - Si è conclusa a Bergamo la 12esima edizione del festival BergamoScienza, 2 settimane di incontri, mostre e dibattiti dedicate alla ricerca scientifica e a tutte le relative implicazioni.Migliaia le presenze, soprattutto di giovani e studenti, che hanno partecipato agli oltre 170 eventi gratuiti, tra cui incontri con premi Nobel e scienziati di fama mondiale che hanno animato dal 3 al 19 ottobre sia il centro storico, nella città alta sia la parte bassa del capoluogo.Ospite d'onore, l'astronauta Esa (European space agency) e maggiore dell'Aeronautica militare, Luca Parmitano reduce dalla missione di 6 mesi nello Spazio, "Volare" dell'Asi (Agenzia spaziale italiana) e attualmente ambasciatore del semestre di presidenza italiana dell'Unione europea."Veniamo da un fortissimo periodo di crisi che ha colpito tutti i campi, incluso quello della scienza - ha spiegato - i budget sono stati ridotti e quello che è stato importante fare è stato riuscire ad amministrare le risorse per esser più efficienti che nel mio campo vuol dire fare le cose che abbiamo sempre fatto ma con mezzi inferiori. Nel futuro speriamo di mantenere il nostro ruolo primario nelle costruzioni aerospaziali, utilizzando le nostre tecnologie e il nostro know-how e riuscendo a esportarlo nel mondo come abbiamo fatto con alcuni degli ultimi progetti".Il festival da 12 anni si occupa di affrontare con un linguaggio semplice e divulgativo temi scientifici e culturali che spaziano in tutti i campi, dalla medicina, alle scienze naturali, passando dalla robotica, l'astrofisica, e anche l'architettura. Il tema del 2014 è stato "il mare".