Houston (askanews) - "E' un bellissimo tramonto", dice con voce rotta dall'emozione Tim Peake. "Lo so", annuisce il collega americano, Tim Kopra.E' iniziata così la prima passeggiata spaziale della storia di un astronauta britannico dell'Esa. Tim Peake, in orbita solo da un mese per la missione Principia, è uscito dalla Stazione spaziale internazionale assieme al collega statunitense della Nasa, intorno alle 14 ora italiana di venerdì 15 gennaio 2016, per un'attività extraveicolare straordinaria.Un'occasione eccezionale per l'astronauta europeo che si è detto da subito "eccitato". La sua Eva (acronimo inglese per la passeggiata), è la 35esima guidata dalla Nasa per la costruzione e la manutenzione dell'Iss, della durata previsa di circa 6 ore e mezza. Si è resa necessaria per la sostituzione di un'unità che trasferisce alla base orbitante l'energia elettrica generata dai pannelli solari, fuori uso dal novembre 2015, la posa di cavi per i nuovi portelli di aggancio e il riposizionamento di una valvola che era stata tolta nel 2015 per il trasferimento del modulo logistico italiano Leonardo. Con questi interventi l'Iss tornerà alla sua piena capacità energetica, con tutte le 8 unità di derivazione funzionanti.Ad assistere gli astronauti, nel corso della loro passeggiata spaziale, da bordo della Iss il comandante Scott Kelly, in orbita per una missione annuale e il cosmonauta russo Sergei Volkov. Da terra invece, l'astronauta della Nasa Reid Wiseman.Prima di Peake, a dire il vero, un altro britannico aveva effettuato una passeggiata spaziale; si tratta di Michael Foale un astronauta che però lavorava per la Nasa, non per l'Esa, ed era naturalizzato americano. Foale effettuò la sua Eva a bordo della Mir per esaminare il danno subito dalla stazione spaziale russa in seguito alla collisione con una navetta cargo Progress.