Milano, (TMNews) - Big della tecnologia sempre più attenti all'ambiente. Il report di Greenpeace dal titolo "Clicking Clean: How Companies Are Creating the Green Internet" mette sotto i riflettori 19 grandi aziende del settore e l'uso delle energie rinnovabili nei loro 300 data center. Nel 2014 spicca il caso Apple: il colosso di Cupertino, segnala Greenpeace, è stato il primo e l'unico, ma anche il più innovativo ed aggressivo, nel raggiungere l'obiettivo del 100% di energie rinnovabili per alimentare iCloud: nei suoi data center in North Carolina, inoltre, sfrutta il più grande impianto fotovoltaico per uso privato negli Stati Uniti. Apple, dichiara in conclusione l'autore del rapporto Gary Cook, "ha contribuito a stabilire un nuovo standard per il settore".L'associazione ambientalista, oltre a quello di Apple, segnala l'impegno di Box, Facebook, Google, Rackspace e Salesforce nel raggiungere l'obiettivo di alimentare i data center con il 100% di energia rinnovabile. Il social fondato da Zuckerberg, in compagnia di Apple, ha fatto anche notevoli passi avanti in trasparenza, settore nel quale il resto dei big è debole.Greenpeace bacchetta invece la "ritardataria" Amazon, sollecitata a fare molto di più: a differenza delle altre aziende, che negli ultimi 24 mesi hanno registrato incredibili cambiamenti, il colosso di Jeff Bezos è rimasto "in silenzio" sulle rinnovabili. Accuse respinte da una portavoce: Amazon, risponde in una nota, usa il 100% di energia pulita in due dei suoi data center. Anche per Microsoft arrivano critiche: secondo Greenpeace si basa ancora troppo sull'alimentazione a carbone, nonostante l'adozione del piano Carbon Neutral by 2013.