Milano (askanews) - Vampate di calore, cefalea, ansia e depressione ma anche insonnia, palpitazioni e dolori articolari e muscolari. Sono questi alcuni dei fastidiosi sintomi della sindrome menopausale. Per molte donne l'ingresso in menopausa si trasforma in un autentico calvario, ma questi problemi si possono superare a tavola con la giusta alimentazione come spiega la professoressa Sara Farnetti."La menopausa innanzitutto è una condizione fisiologica, e come tale va gestita con gli alimenti, che sono gli unici capaci di ripristinare l'equilibrio ormonale. Non bisogna affidarsi a amuleti, farmaci e integratori ma cercare di cambiare e migliorare lo stile di vita soprattutto alimentare. Ad esempio è sconsigliato mangiare carni rosse a cena perchè aumentano e stimolano la parte androgenica, meglio mettere le proteine a pranzo e lasciare i carboidrati la sera.In menopausa l'incremento del peso corporeo è comune proprio per questo, l'alimentazione dovrà essere a notevole impronta proteica, multi vitaminica e minerale per prevenire l'osteoporosi come è stato spiegato nell'ambito del convegno promosso dal Ministero della Salute: Qual è la giusta strategia alimentare in menopausa a Expo 2015. Andranno poi limitati gli alimenti ad elevato carico glicemico, utilizzati prevalentemente grassi vegetali monoinsaturi e va aumentato l'apporto di acidi grassi essenziali della serie omega 3 per la prevenzione del declino cognitivo.Un segreto? Largo alle spezie e alle erbe aromatiche in cucina: aiutano a prevenire i disturbi legati alla menopausa e danno sapore alla tavola.