L'allenatore rossonero difende le sue scelte e la squadra