Dubai (askanews) - Un'auto ad alte prestazioni, una singolare "ala a reazione", due piloti e il deserto; sono gli ingredienti della straordinaria sfida aero-stradale andata in scena nel deserto dui Dubai.A fonteggiarsi il pilota svizzero Yves Rossy, famoso come Jetman, il primo pilota al mondo in grado di volare a oltre 300 Km all'ora, attaccato a un'ala di due metri, spinta da quattro mini-motori a getto, e l'ex campione di Formula 1 Martin Brundle, per l'occasione alla guida di una Jaguar XJR da 5mila centrimetri cubici di cilindrata e 5500 cavalli."Jetman" si è lanciato da un elicottero nel momento esatto in cui Brundle e la sua Jaguar tagliavano la linea di partenza, dando vita a una gara mozzafiato vinta, di misura dal pilota svizzero che con la sua ala ha raggiunto i 314 km all'ora, contro i 280 della Jaguar di Brundle.