I dirigenti vorrebbero farne un vero e proprio ambasciatore